SOIANO DEL LAGO

Paese collinari della Valtenesi, Soiano è una zona in cui sontuosi cipressi e querce centenarie lasciano spazio a splendide viste sul Lago di Garda. Grazie all’antica vocazione turistica, Soiano del Lago è oggi in grado di offrire al visitatore che voglia immergersi nella caratteristica atmosfera che circonda il paese varie strutture di soggiorno e diverse proposte culturali e di divertimento, con fiere, feste, sagre e concerti in splendidi scenari medievali.
 
Caratteristiche prominenti di questo piccolo borgo sono i panorami ricchi di vigne ed ulivi immersi nel maestoso verde delle colline. L'economia del paese è infatti legata all'attività vinicola con produzione di ottimo vino (un tino per la pigiatura dell'uva figura anche nello stemma comunale), olio e cereali, articoli questi che offrono lo spunto per avvincenti itinerari enogastronomici in trattorie e aziende agricole. Tante inoltre anche le manifestazioni organizzate, in particolare nella stagione estiva, in cui gli eccellenti prodotti locali sono i protagonisti. Tra le più importanti, la Sagra di San Rocco a Ferragosto e la festa del patrono, San Michele Arcangelo, l'ultima Domenica di Settembre.
 
La salda tradizione religiosa ha promosso nei secoli scorsi la costruzione di bellissime chiese ricche di opere dal grande valore artistico: nella parrocchiale, costruita fra il cinque e seicento e dedicata a San Michele, si possono ammirare tele del Celesti e del Bertanza nonché un magnifico organo barocco, opera di Antonio Franchino Montechiaro, ricco di intagli in legno dorato con cascate di frutta e fiori. Nella frazione di Chizzoline è da vedere la chiesa seicentesca dedicata a San Carlo. 
 
Abitata già dall’Età del Bronzo, come testimoniano le palafitte visitabili nelle torbiere della frazione di Chizzoline, Soiano riscontra un sicuro interesse nel periodo romano, da cui l’origine latina del nome che deriverebbe da "Solis Ianua", cioè "Porta del Sole". La presenza inoltre di marmi con iscrizioni romane e il ritrovamento di antichi resti chiaramente riconducibili a quell’epoca, fanno supporre una significativa attività politica, sociale e culturale da parte degli abitanti di Soiano in età romana. 
 
Nell’antichità Soiano subisce le dominazioni ed invasioni a cui è stato soggetto il territorio della Valtenesi, significativa a questo proposito l’invasione ungarica, durante la quale gran parte delle installazioni monumentali è stata distrutta, tra cui anche un tempio dedicato a Giove, e fu dopo questa drammatica incursione che sorse il Castello di Soiano. Dalla torre del Castello la vista domina il paesaggio circostante con uno splendido panorama sul Lago di Garda. Sulla base di una più antica torre, nel XIII secolo, fu eretto il campanile che ancora oggi si può ammirare. Nella stagione estiva le antiche mura divengono suggestivo luogo di eventi, spettacoli e rievocazioni storiche.http://www.comune.soianodellago.bs.it